La Nuova Bottega Di Agriverde – Sabato 30 Settembre Ore 10 Parco Di Villa San Camillo, via del Seminario 1, San Lazzaro Di Savena

settembre 19, 2017

Ciao a tutti, vi informiamo che i nostri amici di Agriverde inaugurano la nuova bottega l 30/9/2017 alle ore 10. Qui sotto potete cliccare e trovare la loro presentazione: Agriverde

La bottega di Agriverde si trova all’interno del Parco di Villa San Camillo,
uno dei parchi storici di San Lazzaro ricco di alberi e specie arbustive di pregio. In occasione dell’inaugurazione della Bottega sarà presentata e data in omaggio ai partecipanti la Mappa del Parco, nella quale sono elencati gli alberi e gli arbusti con i nomi volgari e scientifici e le loro principali caratteristiche. Lo strumento si inserisce nel progetto più ampio di ortoterapia ed è stato pensato in origine per offrire agli utenti della cooperativa una possibilità in più per orientarsi nel parco e per conoscere meglio gli elementi naturali di cui si occupano. Ma, dato che non sono poi così tante le persone che sanno riconoscere gli alberi, la mappa sarà offerta anche ai clienti della Bottega: andando a fare la spesa, potranno guardare il parco con uno sguardo nuovo.

Annunci

Per-corso di introduzione alla Transizione a San Lazzaro

settembre 13, 2017

“San Lazzaro in Transizione” avvierà un altro percorso di Condivisione e Approfondimento della Transizione (CeAT). Insieme a tutti coloro che, con semplicità e naturalezza, hanno voglia di approcciare il cambiamento reale, organizzeremo per la decima volta un ciclo di sei incontri tematici (a cadenza settimanale) in autoapprendimento, per sognare e poi realizzare un futuro migliore per noi e la nostra comunità, prendendo spunto dai principi del movimento culturale delle Città di transizione.

Gli incontri si baseranno sui contenuti del Manuale Pratico della Transizione (di Rob Hopkins).

Dal 5 ottobre al 16 novembre 2017. Scarica il Volantino 10 CeAT.doc


Giovedì 18/5 al Biomercato la Dott.ssa Gentilini ci parla di Contaminanti ambientali nella catena alimentare e rischi per la salute

maggio 14, 2017

Giovedì 18 maggio 2017 ore 21.15 al Biomercato si parla di Contaminanti ambientali nella catena alimentare e rischi per la salute con la dottoressa Patrizia Gentilini, medico oncologo di fama.

volantino 18-5-2017 contaminanti


L’intelligenza dei viventi: l’unità della natura. Martedì 21/3 al Biomercato

marzo 11, 2017



Secondo la definizione generalmente accettata, l’intelligenza è la capacità di adattarsi a un ambiente che muta, cercando di garantire migliori condizioni per sé e per la generazione che segue.
Oggi sempre più numerose prove scientifiche rivelano comportamenti intelligenti in ogni forma di vita, dalle più semplici come batteri e amebe, alle complesse come le piante e gli animali.
Uscire dall’ottica di dominio e imparare a stare con rispetto dentro questa rete di relazioni di tutto con ogni cosa che chiamiamo
VITA è la nostra unica garanzia di futuro.

Con la Biologa Daniela Conti, dalle ore 21.00 presso il Centro sociale “Fiorenzo Malpensa”- Via Jussi 33, San Lazzaro di Savena


Paesaggi d’acque, Martedì 21-2 ore 18

febbraio 16, 2017

volantino-paesaggi-dacqueNatura e artificio nella provincia di Bologna.
Angelo Zanotti, autore di saggi e pubblicazioni sul sistema delle acque di Bologna, ci accompagnerà in un viaggio virtuale tra i panorami più suggestivi del territorio bolognese.
Evento in occasione dell’apertura settimanale del Punto FAI San Lazzaro.

volantino-paesaggi-dacque


Calendario Aggiornato eventi del Biomercato gennaio-aprile 2017 !

gennaio 12, 2017

 Causa spostamento di alcuni eventi ripubblichiamo il calendario aggiornato:

calendario-gennaioaprile-2017-spostato-copy

calendario-gennaioaprile-2017-pdf


Amatrice 2.0, resilienza e collaborazione per la rinascita dopo il terremoto

novembre 12, 2016
Grazie ai contatti con Transition Ialia e per dare continuità alle informazioni date alla serata “imPRO Terremotati”, giriamo questo articolo pubblicato sul sito di “Italia che cambia“:

Sostenere le comunità locali attraverso i metodi delle Transition Town e della permacultura per favorire una rinascita ecologica e solidale delle zone colpite dal terremoto. È questo l’obiettivo del progetto Amatrice 2.0, nato il giorno stesso del sisma con l’intenzione di supportare la popolazione anche dopo la fase di emergenza, cercando di far sviluppare la capacità di resilienza e di collaborazione.

È ancora fresco il ricordo delle drammatiche immagini del terremoto che il 24 agosto scorso ha devastato decine di comuni del centro Italia, uccidendo quasi 300 persone. Amatrice 2.0 è un progetto che crede in una rinascita ecologica e solidale del comune laziale tra i più danneggiati dal sisma (e pensare che giusto un anno fa, Amatrice era entrata nel club dei Borghi più belli d’Italia!) e dei comuni limitrofi. Abbiamo intervistato Roberto Salustri, che tramite Reseda Onlus coordina il progetto con la collaborazione del movimento delle Transition Towns (TT) e dell’Istituto Italiano di Permacultura (IIP).

Amatrice dopo il terremoto del 24 agosto 2016

Cos’è Reseda e qual è il suo scopo?

Reseda è una cooperativa equo-solidale, nata nel ’99 con lo scopo di creare progetti tesi a dimostrare che è possibile favorire un’economia ecologica e allo stesso tempo rapporti di solidarietà e d’uguaglianza sociale. Siamo già intervenuti a seguito del terremoto de L’Aquila ed abbiamo portato avanti vari progetti in Africa e a Cuba.

Quando è nato il progetto Amatrice 2.0 e perché?

Amatrice 2.0  è nato il giorno stesso del terremoto, trovandoci già in loco subito dopo per offrire soccorso alle persone che erano ancora intrappolate sotto le macerie; durante quest’esperienza abbiamo deciso di portare avanti questo progetto per aiutare la popolazione anche dopo la fase d’emergenza.

Dopodiché sia la rete di Transition Italia, sia L’Istituto Italiano di Permacultura ci hanno offerto la loro collaborazione e così insieme a loro stiamo organizzando gli aiuti alla popolazione.
In particolare con il movimento delle TT ci occupiamo del supporto alla popolazione locale cercando di far sviluppare la capacità di resilienza e di collaborazione, mentre con l’IIP offriamo il supporto tecnico per il design in permacultura delle aziende agricole montane e per i paesi
colpiti dal sisma.

 

Cerchiamo di fare in modo che la ricostruzione venga impostata subito sull’ecologia e sulla solidarietà, desideriamo che le comunità diventino resilienti e riescano quindi ad affrontare questo dramma più facilmente. Diversamente si assisterebbe facilmente allo svuotamento di questi territori, cosa che già in realtà sta succedendo: molte persone sono già andate via, ma molte vogliono tornare e così, se trovano un progetto di questo tipo, magari tornano anche più volentieri.

Facciamo in modo di attivare delle reti locali di auto-aiuto e di far collaborare gli abitanti tra loro, in modo che quando ce ne dobbiamo andare (essendo volontari, durante la settimana lavoriamo e spesso andiamo ad Amatrice solo nei fine settimana) possano comunque contare l’uno sull’altro. È quella che noi abbiamo chiamato la “rete di sicurezza”, così che anche senza il nostro aiuto le cose possano andare avanti.

Roberto Salustri tra le macerie di Amatrice

Ci sono lacune a livello di aiuti governativi?

Purtroppo sì: gli aiuti governativi non raggiungono il 100% della popolazione.
Lo vediamo quotidianamente quando andiamo che ci sono zone più o meno seguite. Per esempio questo weekend siamo andati a trovare delle signore anziane che praticano un’agricoltura di sussistenza e vivono in montagna e le abbiamo trovate in una situazione drammatica in cui non avevano più cibo o lo stavano finendo e soprattutto non avevano nessuno a cui rivolgersi, essendo rimaste completamente isolate. Abbiamo dato loro cibo e mangime per gli animali. Siamo riusciti a trovarle semplicemente parlando con le persone dei paraggi.

Ci sono pure molti casi in cui le persone potrebbero farcela da sole, però poi i meccanismi governativi non permettono loro di usare la sinergia adeguata. Per esempio molte associazioni hanno messo a disposizione delle casette, dei moduli abitativi temporanei, ma i Vigili Urbani bloccano queste iniziative dicendo che è “abusivismo edilizio”, cosa assurda perché si tratta di piccoli container che si prendono e si portano via. Da quello che abbiamo saputo la Protezione Civile nazionale porterà dei moduli abitativi che sono costati un patrimonio (circa 1.700 € al mq, praticamente quanto una casa ricostruita) e non permettono invece agli abitanti di trovare soluzioni alternative e soprattutto in tempi più rapidi. Usano fondi pubblici per comprare tutto nuovo, piuttosto che utilizzare soluzioni che costerebbero una frazione, sia in termini di costi che in termini di tempo per ottenerle.

Un altro problema è l’eccessiva burocrazia e come dicono anche gli abitanti del posto: mancano persone che si prendano la responsabilità di dire sì a qualche iniziativa locale (mi ricordo invece per esempio che a L’Aquila il sindaco diede un permesso speciale per 3 anni per chi volesse usufruire di soluzioni abitative come quelle delle associazioni di cui parlavo prima). Il problema è che non è proprio prevista una sinergia tra la popolazione civile/le associazioni e la Protezione Civile. Le leggi non sono fatte per poter usufruire di queste sinergie.

 

ddb45e019d6c1f1ea22757a2a219eaae

Poca sinergia tra Stato e cittadinanza attiva quindi, ma si va avanti lo stesso, giusto?

Assolutamente sì, pensa ad esempio che, sempre dei volontari hanno creato un sito internet dove vengono caricate tutte le informazioni necessarie per coordinare al meglio le azioni di aiuto e le operazioni che portano avanti le associazioni. Se hai delle segnalazioni da fare, vuoi leggere gli aggiornamenti, venire a conoscenza di determinati alloggi, puoi consultare il sito. Li abbiamo subito contattati perché appunto il sito che hanno creato ti permette di avere le mappe, di sapere chi ha bisogno di cosa, o chi vorrebbe offrire qualcosa; insomma un’iniziativa estremamente utile che è nata anch’essa dal basso.

A dispetto della mancata sinergia tra Stato e cittadinanza attiva, tra noi volontari si è instaurata una bella collaborazione. Ad esempio con le Brigate della Solidarietà che incontriamo spesso perché come noi, stanno sul territorio e parlano con la gente ed è spesso proprio quella la cosa più importante. Molti progetti nostri nascono così, spontaneamente, andando in giro per il territorio e facendo due chiacchiere con le persone. In questo modo riusciamo a far incontrare i fabbisogni con le persone che vogliono fare o dare qualcosa. Quindi ad esempio lo scorso fine settimana è nato il progetto della “patata bio solidale” incontrando dei contadini che producono patate biologiche, che ci hanno raccontato che avendo perso tutti i turisti non hanno più a chi venderle.

Sono piccole realtà, non è che vendono nei supermercati, magari hanno solo 10 quintali di patate che prima vendevano direttamente alle persone che visitavano quei luoghi, ora non andandoci più nessuno non hanno più mercato. Allora ci siamo proposti di fare in questo modo quando andiamo a fare le missioni: compriamo le patate e le portiamo a valle, quando le vendiamo tutte ne prendiamo altre e andiamo avanti così. Abbiamo dei volontari che si sono offerti di portarle ai Castelli Romani, a Roma etc., c’è chi addirittura le ha portate a Cuneo. Abbiamo sparso la voce sulle patate dei contadini di Amatrice ed abbiamo visto che molte persone sono pronte ad aiutarli comprandole: visto che il ricavato serve appunto per sostenerli, la gente le acquista volentieri. Non sono patate certificate biologiche, ma si tratta di patate che vengono coltivate con metodi naturali e senza l’uso di alcuna sostanza chimica (come l’esperienza di Genuino Clandestino).

Inoltre gli aiuti da parte delle associazioni non governative e della cittadinanza arrivano per fortuna da ogni parte, ad es. arriverà in questi giorni grano dalla Sicilia e dal Piemonte, dall’ Istituto Italiano di Permacultura stanno arrivando cereali, donazioni e quant’altro; poi sono arrivati volontari da tutta Italia: Livorno, Milano, Bolsena, Napoli, dalla Sicilia.

Certo che se ci fosse un po’ più di sinergia tra i volontari e, ad esempio, la Protezione Civile sono sicuro che avremmo meno difficoltà ad aiutare. Per esempio adesso dovremo portare tanto fieno nei territori montani e avremmo bisogno di un posto dove poterlo stipare temporaneamente, aspettando che i contadini lo vengano a prendere; un problema logistico che speriamo di poter risolvere con le nostre forze o magari insieme ai Comuni.

collage

Come possiamo aiutarvi?

Servirebbe davvero l’aiuto di tutti. Lo scorso weekend, ad esempio, abbiamo raccolto e pulito delle patate, che è una cosa che possono fare tutti; ma anche parlare con le persone lo possono fare tutti, anche perché noi, prima di entrare in azione, spieghiamo ai volontari come ci si muove, poi prima vengono con noi e vedono come ci muoviamo ed in seguito possono anche aiutare da soli.

Ma molti riescono a darci una mano anche senza venire sul posto organizzando raccolte-fondi, parlando del progetto alle persone anche grazie ai social network; quindi comunque c’è una modalità di lavoro che non è per forza quella del volontario che viene lì sul posto ed anche di chi non è specializzato, anche se naturalmente e fortunatamente ci sono anche loro: infermieri, agronomi, psicologi, etc. Ma in questi casi di calamità naturali c’è talmente tanto da fare che qualsiasi persona può aiutare e il suo aiuto sarà sempre utile a qualcuno, l’importante è non lasciare la popolazione da sola. Noi cerchiamo di fare prevalentemente questo e loro sanno che su di noi possono contare.

Per ulteriori aggiornamenti sulle azioni intraprese in seno al progetto Amatrice 2.0 potete visitare la pagina facebook: https://www.facebook.com/reseda.onlus/

Per partecipare: https://amatriceduepuntozero.wordpress.com/partecipare/

Per donazioni: https://amatriceduepuntozero.wordpress.com/donazioni/

Scritto il 21 ottobre 2016 da in ,


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: