Per-corso di introduzione alla Transizione a San Lazzaro

settembre 13, 2017

“San Lazzaro in Transizione” avvierà un altro percorso di Condivisione e Approfondimento della Transizione (CeAT). Insieme a tutti coloro che, con semplicità e naturalezza, hanno voglia di approcciare il cambiamento reale, organizzeremo per la decima volta un ciclo di sei incontri tematici (a cadenza settimanale) in autoapprendimento, per sognare e poi realizzare un futuro migliore per noi e la nostra comunità, prendendo spunto dai principi del movimento culturale delle Città di transizione.

Gli incontri si baseranno sui contenuti del Manuale Pratico della Transizione (di Rob Hopkins).

Dal 5 ottobre al 16 novembre 2017. Scarica il Volantino 10 CeAT.doc

Annunci

Sabato 1/4 al Flyon : proiezione del nuovo Film FOOD RELOVUTION con il regista Thomas Torelli e dibattito finale

marzo 15, 2017

San Lazzaro in Transizione (SLIT) e Transition Italia sono lieti di segnalarvi l’imminente proiezione del nuovo film documentario FOOD RELOVUTION di Thomas Torelli, che si terrà sabato 1 aprile 2017 alle ore 21.00 presso FLYON -Conference Center Hotel – via dell’aeroporto , 34 Bologna.
Dopo la proiezione del film seguirà dibattito-confronto con il regista, ospiti di varie associazioni e il pubblico.
In quell’occasione, sarà presente anche Francesca Cappellaro di SLIT e Transition Italia che parlerà di azioni e iniziative locali per attuare una transizione verso uno stile di vita sano e consapevole.
Chi lo desidera, può acquistare il biglietto d’ingresso in prevendita presso SLIT al prezzo di 7 € (anziché 9 €):
scrivendo a sanlazzarointransizione@gmail.com (indicando nome e cognome e numero di biglietti prenotati) entro giovedì 30 marzo;
direttamente presso il BioMercato al Centro Malpensa in via Jussi 33 San Lazzaro di Savena solo nelle seguenti giornate: martedì 21/3 ore 20-21.30 ; giovedì 23/3 ore 20.45-21.30; martedì 28/3 ore 16-21.30
Una piccola percentuale sulle vendite sarà devoluta alle attività di SLIT.


Primi incontri del per-corso Ceat 2016

aprile 11, 2016

Primo incontro:

Picco del Petrolio ?
Ma quale Picco, quà l’oro nero non è mai costato così poco ?
Viviamo in un periodo caotico dove spesso è vero tutto e il contrario di tutto, per cui siamo sballottati da un idea all’altra, da cosa fare e cosa non fare.

terraDurante il per-corso analizziamo il problema dei picchi (Petrolio, Clima e non solo), dalla consapevolezza per l’umanità data da quella foto di una “palla d’acqua” sola nello spazio, a quello che ci ha “predetto” il Club di Roma, da cui poi sono nati i primi movimenti ambientalisti, e così passiamo continuamente da momenti di pessimismo a ottimismo, da quello che ci mancherà alle opportunità che si manifesteranno, da rassegnazione a voglia di cambiamento.Ceat 9 1_1

Non siamo soli e lo scopriamo conoscendoci meglio, ma anche raccontando e soprattutto facendo raccontare le nostre storie e alcuni nostri sogni, le sinergie sono forti e la consapevolezza già molto radicata in tutti i presenti, e probabilmente grazie a questi “scossoni” emotivi e informativi si fa sentire anche la nostra resistenza, resistenza che ormai è già Resilienza, ma che deve essere approfondita ancora un po, per poi trovare qualcosa che va oltre i soli nostri Pensieri, quando cioè oltre la Testa ci metteremo anche il Cuore e poi le Mani…
Le idee di quello che potremmo fare sono tante e fresche e per diventare reali e crescere hanno solo bisogno di cura, amore e comunità ….

Ceat 9 1_2Alla fine dell’incontro qualcuno dice che normalmente a scuola e all’università queste cose non vengono approfondite e molti di noi non si rendono conto che ormai sono passate già da un po le 23 e che è il momento di andare a dormire e far sedimentare tutti questi stimoli, buoni segnali che come facilitatori di SLiT cercheremo di raccogliere e utilizzare al meglio per i prossimi incontri.

 

Secondo incontro:

Come se non bastassero gli stimoli, al nostro secondo ritrovo ce ne ingozziamo tanti altri, partiamo subito con l’analizzare i possibili scenari che potrebbero svilupparsi in una fase che ormai tutti consideriamo di cambiamento, vediamo oggi tanti segnali che ci fanno pensare che il cambiamento è in atto ma non si capisce quale degli scenari possibili avrà il sopravvento, l’esplosione tecnologica ? il collasso !? O futuri più auspicabili basati sulla sostenibilà ? Come un futuro di decrescita energetica ? Analizziamo così questa teoria che per molti è basata su una parola poco felice, che ha un accezione solitamente infausta, ma che comunque piano piano ci guida a farci riscoprire valori, emozioni, sofferenze e gioie dimenticate o assopite.Ceat 9 2_1

Infatti parlandone ci rendiamo conto che si potrebbe vivere una vita emotivamente più ricca e in equilibrio, dovremmo avere meno cose ma più importanti, essere più creativi, lavorare meno ma tutti, con una ricchezza più distribuita e solidale, imparare a stare meglio insieme, condividere spazio e tempo aumentando le relazioni reali, magari autoproducendo quello che ci serve e facendo riuso e riciclo, quindi sprecando meno, rallentando così dei ritmi che hanno poco di naturale.

Per capire meglio facciamo un gioco, quello del gomitolo,Ceat 9 gomitolo

dove ognuno è un soggetto di un bosco ed è collegato agli altri da una fitta rete di interconnessioni, tanto più questa è fitta e tanto più è resistente a eventuali catastrofi di origine naturale “o” umana, questa è Resilienza, ce la insegna la natura e può essere rappresentata in tantissimi modi, ma gli attacchi che ad un certo punto rappresentiamo con le catastrofiche forbici che piano piano tagliano i fili della rete, fanno collassare il sistema prima se le connessioni sono poche, condizione in cui oggi viviamo …

E così parliamo di un altro importante concetto espresso da un’altra parola difficile: “Rilocalizzazione” e di come è connessa a tutto quello che abbiamo detto e ad altro ancora e così aumenta sempre più la profondità di alcuni ragionamenti che abbiamo condiviso…

Imparare a cambiare idea e mettersi in discussione, sapersi reinventare, saper accettare con tranquillità che la sofferenza fa parte della vita, vivere in leggerezza, non giudicarsi, vedere la realtà intorno a noi in modo diverso e con piacere, essere interconnessi, passare parola…Ceat 9 2_2

E non solo le parole che usiamo sono complesse e a volte non adatte, ma ad un certo punto non troviamo più neanche i vocaboli per esprimere quello che vogliamo e che ci servirebbe per essere più resilienti e locali, ma soprattutto più felici, e questo è il segno che da adesso dovremo iniziare ad usare anche un altra nostra parte molto importante oltre alla Testa e cioè il Cuore, il modo più immediato per esprimere sensazioni che per iscritto forse è impossibile trasmettere correttamente.

A questo punto siamo così stanchi per la fatica di riemergere dalla “profondità” a cui siamo arrivati, che con “addirittura” un minuto di anticipo,  ci lasciamo per andare a dormire, Grazie.

Riccardo


Vivere Sostenibile Aprile 2015 – Speciale Orti e Giardini

aprile 1, 2015

Eccoci al tempo della primavera, delle gite aria aperta, dei pranzi gustosi e sani in compagnia delle persone più care… eccoci al punto sulla Transizione, sull’Eco abitare e sulle Nuove Energie perchè è questo il tempo di pensarci, di informarci e di agire, nell’interesse di tutti! E poi gli eventi, tantissimi e ben selezionati, cui partecipare per incrementare uno stile di vita sempre più consapevole.

Layout 1

Link per sfogliarlo gratuitamente: https://viveresostenibile.wordpress.com/sfoglia-il-mensile/

Email per richiedere la copia GRATUITA in PDF: info@viveresostenibile.net

Buona Lettura del n. 16 di VIVERE SOSTENIBILE a Bologna.


Bentornata Primavera con il numero di Marzo di Vivere Sostenibile!

febbraio 28, 2015

Vivere Sostenibile n. 15: marzo 2015 – Speciale Bambino Naturale e Bio Cosmesi

Eccoci al tempo della Primavera, parlando di benessere, di scelte alimentari e dei primi lavori da fare nell’orto, senza perdere l’occasione di eventi e fiere davvero interessanti. Buona lettura, amici di VIVERE SOSTENIBILE, per un’informazione etica e vocata a uno stile di vita più giusto per noi e per il pianeta!

VS 15

Sostieni il “giornalismo di comunità” fatto di idee, progetti, valori e iniziative, della piattaforma mediatica locale di Vivere Sostenibile.

Il crowdfunding che promuoviamo, non è un finanziamento collettivo, ma è un processo collaborativo di persone che si mobilitano e che si attivano sul territorio per aiutarci a comunicare il cambiamento, superando le barriere dei media tradizionali. 3 modi per dimostrare tutta la tua attenzione verso l’ambiente e la tua comunità.

Se vuoi proporre temi, esperienze, riflessioniecc, sugli argomenti e sui valori veicolati da VS, in forma di articoli redazionali, manda una mail a direzione@viveresostenibile.net.

Se vuoi distribuire gratuitamente Vivere Sostenibile è un “free press” quindi è gratuito per i lettori.

Se lavori in un negozio o ristorante BIO, un’associazione o una palestra di attività naturali o olistiche, se ti occupi di benessere o hai un’attività in sintonia con i nostri valori, offri una copia gratuita di VS ai tuoi clienti o soci. Contattaci via mail a info@viveresostenibile.net.

Se vuoi sostenere finanziariamente VS: (solo per le persone singole. Per associazioni e cooperative, vedi riquadro “club della coccinella” in questa pagina) CON UN VERSAMENTO DI ALMENO 25 EURO, diventerai socio dell’associazione comunità sostenibile. Potrai così partecipare alle iniziative dell’associazione (es: corsi), senza più pagare la tessera. Inoltre riceverai in busta a casa: la tessera associativa, la vetrofania per l’auto con la coccinella di VS e 1 copia cartacea di VS. Contattaci via mail a info@viveresostenibile.net

Ti risponderemo indicandoti gli estremi bancari al quale fare il versamento.

RICHIEDI LA COPIA GRATUITA PDF del mensile, scrivendo a info@viveresostenibile.net


Sfoglia il numero 14 di VIVERE SOSTENIBILE

febbraio 7, 2015

VIVERE SOSTENIBILE n. 14, Speciale 4 zampe e 1 becco, ma non solo!

n 14

In questo mese di un inverno, ci siamo
soffermati sul Biologico come scelta etica, parliamo di legalità e
territorio, di lavoro e di benessere, passando per l’alimentazione
consapevole, esplorando le intolleranze alimentari, dandovi
suggerimenti per gli eventi del carnevale nei Parchi del territorio e
sui corsi e luoghi da frequentare per scoprire, a Bologna e provincia
quanto di sano, etico e sostenibile c’è a portata di mano. Un lungo
elenco di fiere vi darà il polso di dove saremo nei prossimi mesi in
tutta Italia, alla ricerca di nuove storie da raccontare e raccontando
di noi soprattutto a chi, e son già tanti, vorrà replicare con la
formula del free franchising nella propria città o provincia, un
esperimento di comunità e di consapevolezza che ci trova felici ad
ogni passo che andiamo a fare.

Anticipazione di Marzo: lo speciale sarà dedicato alla BIO COSMESI

e BAMBINO NATURALE, siete curiosi?

Intanto… Buona lettura, con Vivere Sostenibile di febbraio!

Registrati su http://www.viveresostenibile.net, per ricevere la versione PDF on line, ogni mese direttamente nella tua casella mail.


Laboratorio “Genitori e Bambini… in Transizione!!”

dicembre 16, 2014

Lab FamiglieVolantino FRONTE  e  INTERNO in Pdf

Un’iniziativa che parte da un felice ed allegro gemellaggio fra
aspirazioni, temi, competenze del territorio di San Lazzaro, come
l’associazione San Lazzaro in Transizione, l’Associazione U.C.I.P.E.M.
“Consulenza per la Vita Familiare” e l‘Associazione “Socado”.

Siamo partiti dal territorio con l’intento di renderci e rendere la
transizione che viviamo (o crisi esistenziale, familiare, economica,
sociale, globale, chiamiamola come vogliamo), un’esperienza felice per
noi e per chi ci è intorno. L’idea guida è aiutarci reciprocamente a
entrare, vivere, essere, affidarci a questo passaggio a tutto tondo:
sia negli aspetti comunitari come in quelli più interiori individuali,
ma anche relazionali familiari. Nella consapevolezza che tutto ciò che
viviamo qui si inserisce in una più ampia transizione globale e
planetaria.

Se realizziamo che la Transizione, questa modifica del “Punto di
unione”, come direbbe Carlos Castaneda, è prima di tutto al centro del
nostro cuore da lì poi, in amore e consapevolezza, possiamo
permetterle di espandersi nel modo più armonico alle relazioni
intorno, familiari, parentali, comunitarie.

I cambiamenti ci richiedono fiducia. Aprendoci alle relazioni, a ciò
che di buono può venire, confrontandoci, scopriamo che abbiamo bisogni
simili e semplici e che possiamo aiutarci gli uni con gli altri. E
magari ci rendiamo conto che questo è il modo migliore, più vitale e
sostenibile, di contribuire e di far parte del movimento davvero
grande che attraversa il nostro amato Pianeta.

Da questo intento nasce la nostra proposta di laboratorio che si
svolgerà fra fine gennaio e febbraio prossimi.

E’ organizzato su 4 date, 4 sabato pomeriggio. Ci saranno doppi
laboratori, uno per i genitori e l’altro per i bambini che avranno
luogo in contemporanea in sale adiacenti. A metà laboratorio è
prevista una merenda condivisa fra tutti. La terza delle 4 date sarà
invece un laboratorio comune a genitori e bambini dedicato al creare
insieme.

Vorremmo essere creativi e divertirci. Vorremmo che fosse l’occasione
per aprire il cuore e la mente se è ciò di cui abbiamo bisogno.

Vorremmo che fosse l’occasione per imparare o fare qualcosa che
aspettavamo da tanto. Vorremmo che fosse l’occasione per nuove
scoperte, magari a 360 gradi, i bambini sono buoni insegnanti in
questo. Ma soprattutto vorremmo che fosse un’esperienza di quelle che
vale proprio la pena di vivere!!!

Chi condurrà gli incontri?

Ci è piaciuto mescolarci e conoscerci, darci la possibilità di
scoprire che ciò che ognuno di noi come individuo e come realtà
associativa ha da offrire è arricchito e potenziato in modo
esponenziale dagli altri. Ci stiamo meravigliando a vicenda e ci
divertiamo insieme. Ognuno di noi proviene da una o più delle tre
realtà promotrici e in ogni incontro saremo due o tre a condurre
mescolando, speriamo, in modo creativo e produttivo le nostre
conoscenze, esperienze, competenze.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: