L’ORTO di San Lazzaro

Il 4 aprile 2012 si è svolto il primo incontro sull’orto didattico della nostra associazione, che con il tempo e con la paglia (come le nespole) potrebbe nascere al parco della resistenza di San Lazzaro vicino al recinto delle “caprette”. Alla presenza abbastanza numerosa di 21 persone, il coordinatore Alberto Piras ha fatto un giro di presentazione per indicare brevemente il motivo di interesse di questa iniziativa prima di passare a considerare alcune operazioni, desideri, domande, chiarimenti che ho annotato, e che elenco così come cronologicamente sono stati (a ruota libera) presentati:

  • Orto Sinergico con l’utilizzo di ammendanti naturali e realizzazione di aiuole rialzate dette “Bancali”.
  • Orto rotondo, da realizzare all’interno del quadrato o rettangolo, ed utilizzare gli angoli per la casetta degli attrezzi, la composta, le erbe aromatiche e magari un buon semenzaio.
  • La prima operazione da intraprendere in un terreno erboso per renderlo idoneo alla coltivazione sinergica potrebbe essere quella di coinvolgere le caprette per eliminare l’erba in poco tempo. Sarà opportuno poi usare non la vanga ma la “forca larga” per sminuzzare appena la parte superficiale del terreno.
  • Dedicare una buona parte della superficie a orto didattico.
  • Riservare un’area come aiuola sabbiosa per piante da radice (carote, ravanelli…).
  • Fare un lombricaio
  • Prevedere un’area per la composta utilizzando i rifiuti organici di casa.
  • Coltivare piante da frutto antiche che non richiedono particolari trattamenti e uva (fragola?)
  • Possibilità di inserire un’arnia didattica
  • Prevedere feste periodiche con i prodotti dell’orto.
  • Irrigazione a goccia come previsto dai disciplinari dell’orto sinergico.
  • Costituire squadre di 2/3 persone che si occupano del lavoro secondo una efficiente programmazione.
  • Definire compiti più specifici a seconda di competenze o interessi particolari, come per esempio nominare un “addetto” alle piante aromatiche, alle piante amiche dell’orto (come il Tagete), ai fiori da insalata (Borragine, Calendula, Viola…).
  • Definire un programma di lavoro che specifichi le attività da svolgere e le persone coinvolte.
  • Invitare ognuno a seminare a casa i prodotti preferiti per poi metterli a dimora nell’orto, con il rischio però di non avere neanche uno zucchino.
  • Coinvolgere l’ortolano Aristide per il Pomodoro della Croara (non commerciabile ma buonissimo).
  • Nominare un Presidente dell’orto, una figura attendibile e di riferimento oltre che esperto
  • Il Parco dei Gessi dovrebbe mettere a disposizione gratuitamente piante di ogni tipo: offerta da tenere in considerazione per le prossime semine.
  • Particolare attenzione sul metodo di “protezione” dell’area, di circa 150 metri quadri in totale: siepe, recinzione di qualche tipo…
  • Puntare sulla funzione sperimentale, didattica e di utilità sociale che l’orto rappresenta, responsabilizzando quindi sia gli operatori che gli utenti verso i prodotti dell’orto e gli strumenti di lavoro, scoraggiando e limitando l’uso personale/domestico dei prodotti che se ne ricavano.
  • Apporre cartelli informativi che spieghino il senso e le finalità dell’iniziativa, specificando anche che il terreno ci è stato affidato dal Comune con obiettivi ben definiti.
  • In virtù della funzione didattica dell’iniziativa considerare la proposta per il Finanziamento alle scuole “P.O.F.” redigendo un progetto da presentare all’Assessorato all’Istruzione.
  • Il prossimo appuntamento è previsto per Domenica 22 aprile dalle ore 18 alle 20 al Centro Civico Arci Bellaria per prendere reale visione del terreno, che magari le caprette potrebbero già avere delimitato e reso individuabile con il loro prezioso lavoro;
  • Il secondo appuntamento, per iniziare una progettazione di massima a tavolino, è per Lunedì 14/05/2012 alle ore 21 al Centro Malpensa.

– – – –

Abbiamo voluto il terreno? Adesso zappiamo!

La collaborazione tra la transizione ed il comune di S. Lazzaro di Savena sta dando i suoi meravigliosi frutti! Abbiamo ottenuto un terreno in posizione meravigliosa (vedi foto) per fare il primo orto didattico di S. Lazzaro!

Adesso tocca a noi progettarlo e farlo proprio come vorremmo! Abbiamo bisogno di idee e di braccia: non serve competenza (anche se non guasta!). Serve invece buona volontà! Se sei interessato e pensi di avere un po’ di tempo ed energie (e tanta voglia!) da dedicare a questo bellissimo progetto, ti aspettiamo all’incontro dedicato di Mercoledì 4 Aprile alle 20,30presso ilCentro Malpensa in Via Jussi, 33 a San Lazzaro di Savena.

Per informazioni e adesioni:
Email: giuseppe.nini@gmail.com

– – – –

Al Parco della Resistenza-via Bellaria n.7 – San Lazzaro di Savena (BO)

Con il patrocinio e la collaborazione dell’Assessorato all’Ambiente del comune di San Lazzaro di Savena.

Pubblico, condiviso, didattico, per la promozione dell’auto-produzione urbana, di auto-aiuto per affrontare i cambiamenti e per promuovere i cambiamenti, per imparare ancora a mettere il proprio tempo insieme.

Orto di San Lazzaro

San Lazzaro in Transizione è lieta di annunciare che, a partire dal mese di Marzo 2012, sarà inaugurato L’ORTO di San Lazzaro (zona Arci Bellaria).

Sarà un Orto aperto a tutti per fornire a tutti le capacità di coltivare la terra per auto-produzione, perché tali capacità sono state da troppo tempo abbandonate.
Sarà un luogo dove potersi scambiare saperi e conoscenze, bisogni e disponibilità.
Sarà una piazza dove partecipare e sentirsi parte di una comunità.
Sarà anche un luogo dove occorre lavorare e occorrerà farlo con continuità, perché l’ORTO è un organismo che va accudito con costanza.

Per questo chiunque voglia partecipare, coi propri tempi e modi, lo potrà fare e sarà il benvenuto.

Se non avete esperienza, se ne avete poca, se ne avete molta…è proprio voi che cerchiamo.

Svilupperemo le tecniche di produzione che si basano sul rispetto della terra, sull’autosufficienza e sull’autofertilizzazione del suolo: Sinergico, Biodinamico, Permacultura.
(per i curiosi ecco un bel manuale sull’orto sinergico )

Un modo per imparare, facendo insieme qualcosa di buono, per tutti!

Per informazioni e adesioni

Email: sanlazzarointransizione@gmail.com

Puoi seguire lo sviluppo di questa attività nella categoria “Orto Sinergico”

Annunci

2 Responses to L’ORTO di San Lazzaro

  1. […] a Lame procedono con Ort’Attack , San Lazzaro ha annunciato questo  bellissimo progetto di Orto […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: